Michael Cheval
FacebookTwitterGoogle+PinterestBlogger PostWhatsAppCondividi

Michael Cheval Michael Cheval Michael Cheval Michael Cheval Michael Cheval Michael Cheval Michael Cheval Michael Cheval Michael Cheval Michael Cheval Michael Cheval Michael Cheval Michael Cheval Michael Cheval Michael Cheval Michael Cheval Michael Cheval Michael Cheval Michael ChevalMichael Cheval

Sito ufficiale: http://chevalfineart.com/

L’arte di Cheval è notevole per la sua potenza, brillantezza tecnica, finezza, la grandezza e l’originalità dei suoi concetti.

Cheval paragona i suoi dipinti di un puzzle il cui codice deve essere scoperto; ma ci possono essere più di una soluzione per l’enigma e che invita il pubblico a fornire loro interpretazioni uniche di sua arte, attraverso il quale nuove idee e un più alto livello di comprensione del lavoro è raggiunto. Cheval dice: “Lo spettatore deve avere l’aspirazione di capire il mondo che presento, e così allargare i suoi orizzonti e la sua coscienza. Sono sempre felice quando vedo che uno spettatore mi capisce, quando hanno la voglia di giocare il mio gioco “.

Tra le influenze sull’arte di Cheval sono gli artisti russi del secolo diciannovesimo-ventesimo, come Pavel Fedotov , Vasily Perov , Vasily Surikov e Viktor Vasnetsov , gli artisti del pittura rinascimentale italiana e gli artisti olandesi dei secoli 16o al 17o, in particolareVermeer e Gerard ter Borch .

L’influenza più grande che lo ha aiutato a definire il suo stile è venuto da due surrealisti del 20 ° secolo, Salvador Dalí e René Magritte , anche se vede il suo stile distinto dal surrealismo , descrivendolo come absurdism . Secondo la sua definizione, absurdism è un lato rovesciata della realtà, un rovescio di logica che non emerge dai sogni dei surrealisti o il regno del subconscio. Piuttosto, è un gioco di immaginazione, in cui tutti i legami sono scelti con cura per costruire una trama letteraria. Cheval dice: ” Assurdità …, come qualsiasi altro genere, ha le sue regole ma implica tutto ciò che è periferico di regole e confini comuni “absurdism” è un tentativo di comprendere la nostra vita nel modo in cui è veramente senza propaganda, ideologia, politica, e ha imposto i gusti. La vita allo stato puro è bella, piena di logica e significato. Ma combinato con quanto sopra, è assurdo, illogico. La maggior parte della gente si abituò a tale vita e non notare questo. Questo è perché è utile, di tanto in tanto, per girare tutto sottosopra, per svegliarli. “

Cheval identifica una connessione estetica tra il suo stile e Samuel Beckett ‘s e Eugène Ionesco ‘s Teatro dell’Assurdo ( teatro dell’assurdo ), così come Peter Greenaway ‘s, Luis Buñuel s ‘e Tarsem Singh film s ‘.

Egli cita la sua passione per la letteratura e la poesia come un contributo alla vocabolario visivo e il simbolismo della sua arte. Egli descrive anche l’esperienza che aveva acquisito dall’essere un musicista e uno scrittore come un fattore essenziale per la realizzazione dei suoi obiettivi nel campo della pittura.