Keith Haring
FacebookTwitterGoogle+PinterestBlogger PostWhatsAppCondividi

Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring Keith Haring

 

Keith Haring

Sito Ufficiale: http://www.haring.com/

http://www.haringkids.com/

Keith Haring nasce il 4 maggio 1958 a Reading, in Pennsylvania, ed è cresciuto nella vicina Kutztown, Pennsylvania. Ha sviluppato un amore per il disegno in età molto precoce, l’apprendimento delle competenze di base cartooning dal padre e dalla cultura popolare intorno a lui, come il Dr. Seuss e Walt Disney.

Dopo il diploma di scuola superiore nel 1976, Haring iscrive alla Scuola di Ivy Professional Art di Pittsburgh, una scuola di arti commerciale. Ben presto si rese conto che aveva poco interesse a diventare un artista grafico commerciale e, dopo due semestri, abbandonato.Mentre in Pittsburgh, Haring ha continuato a studiare e lavorare in proprio e nel 1978 ha avuto una mostra personale delle sue opere presso la Pittsburgh Arts and Crafts Center.

Più tardi, quello stesso anno, Haring è trasferito a New York City e si iscrive alla School of Visual Arts (SVA). A New York, Haring ha trovato una fiorente comunità artistica alternativa che si stava sviluppando al di fuori del sistema delle gallerie e dei musei, le vie del centro, le metropolitane e gli spazi nei club ed ex sale da ballo. Qui stringe amicizia con altri artisti Kenny Scharf e Jean-Michel Basquiat, così come i musicisti, artisti di performance e writers che costituivano la comunità artistica fiorente.Haring è stato travolto l’energia e lo spirito di questa scena e ha cominciato a organizzare e partecipare a mostre e spettacoli al Club 57 e in altre sedi alternative.

Oltre ad essere colpito dalla innovazione e l’energia dei suoi contemporanei, Haring è stato anche ispirato dal lavoro di Jean Dubuffet, Pierre Alechinsky, William Burroughs, Brion Gysin e manifesto di Robert Henri The Spirit Art, che ha affermato l’indipendenza fondamentale dell’artista. Con queste influenze Haring è stato in grado di spingere i propri impulsi giovanili verso un genere singolare di espressione grafica basata sul primato della linea. Richiama anche alla natura pubblica e partecipativa del lavoro di Christo, in particolare Running Fence , e fusione unica di arte e di vita di Andy Warhol, Haring è stato deciso di dedicare la sua carriera alla creazione di un’arte veramente pubblica.

Come studente presso SVA, Haring sperimentato con performance, video, installazione e collage, mantenendo sempre un forte impegno al disegno. Nel 1980, Haring ha trovato un mezzo molto efficace che gli ha permesso di comunicare con il pubblico più ampio che desiderava, quando notò i pannelli pubblicitari inutilizzati ricoperti di carta opaca nera in una stazione della metropolitana. Ha iniziato a creare disegni in gesso bianco su questi pannelli di carta bianca in tutto il sistema di metropolitana. Tra il 1980 e il 1985, Haring ha prodotto centinaia di questi disegni pubbliche in linee ritmiche veloci, a volte creando fino a quaranta “disegni della metropolitana” in un solo giorno. Questo flusso continuo di immagini è diventato familiare a pendolari di New York, che spesso si fermava per impegnare l’artista quando lo incontrarono al lavoro. La metropolitana è diventato, come diceva Haring, un “laboratorio” per lavorare fuori le sue idee e la sperimentazione con le sue linee semplici.

Tra il 1980 e il 1989, Haring ottenuto il riconoscimento internazionale e ha partecipato a numerose mostre collettive e personali. La sua prima mostra personale a New York.was possedute alla Westbeth Pittori spaziale nel 1981. Nel 1982, ha fatto il suo debutto galleria di Soho con un immensamente popolare e acclamato mostra personale alla Tony Shafrazi Gallery. Durante questo periodo, ha anche partecipato a mostre di fama indagine internazionali come Documenta 7 a Kassel; la Biennale di San Paolo; e il Whitney Biennial. Haring ha completato numerosi progetti pubblici nella prima metà degli anni ’80, così, che vanno da un’animazione per il Spectacolor cartellone a Times Square, la progettazione di scenografie e fondali per teatri e club, in via di sviluppo modelli di orologi per Swatch e una campagna pubblicitaria per Absolut vodka; e la creazione di murales in tutto il mondo.

Nell’aprile del 1986, Haring apre il Pop Shop, un negozio a Soho vendita di T-shirt, giocattoli, poster, pulsanti e magneti che portano le sue immagini. Haring considerato il negozio per essere un prolungamento del suo lavoro e dipinse tutto l’interno del negozio in un nero astratto su bianco murale, creando un ambiente di vendita al dettaglio suggestivo e unico. Il negozio aveva lo scopo di permettere alle persone un maggiore accesso al suo lavoro, che era ormai facilmente reperibili su prodotti a basso costo. Il negozio ha ricevuto critiche da molti nel mondo dell’arte, ma Haring si è impegnato per il suo desiderio di rendere le sue opere a disposizione al più vasto pubblico possibile, e ha ricevuto un forte sostegno per il suo progetto di amici, fan e mentori, tra cui Andy Warhol.

Durante la sua carriera, Haring dedicò gran parte del suo tempo per i lavori pubblici, che spesso portavano messaggi sociali. Ha prodotto più di 50 opere pubbliche tra il 1982 e il 1989, in decine di città in tutto il mondo, molti dei quali sono stati creati per beneficenza, ospedali, centri e orfanotrofi diurni per bambini. L’ormai famoso Crack è Wack murale del 1986 è diventato un punto di riferimento lungo di New York FDR Drive. Altri progetti includono; un murale realizzato per il 100 ° anniversario della Statua della Libertà nel 1986, su cui Haring ha lavorato con 900 bambini; un murale sulla parte esterna dell’ospedale Necker bambini a Parigi, in Francia nel 1987; e un murale dipinto sul lato occidentale del muro di Berlino tre anni prima della sua caduta. Haring anche tenuto disegno laboratori per i bambini nelle scuole e nei musei di New York, Amsterdam, Londra, Tokyo e Bordeaux, e prodotto le immagini per molti programmi di alfabetizzazione e di altre campagne di servizio pubblico.