Davide De Agostini
FacebookTwitterGoogle+PinterestBlogger PostWhatsAppCondividi

Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De Agostini Davide De AgostiniDavide De Agostini

 

Artista animato da vero talento, il pittore attinge le proprie tematiche narrative all’arcano, portato e ricreato sulla tela con sapienza di tocco e con una tavolozza non ricca ma di notevolissimo effetto, sfruttata al meglio nelle tonalità cremisi del rosso, nel nero profondo, vellutato e gelido al tempo stesso, nell’ocra che sfuma, lenta e possente, da trasparenze sottili a cupi accenti d’ombra.

L’opera di De Agostini è il racconto dell’umanità passata e dell’umanità perduta, è la storia della dissoluzione totale e del ricordo dimenticato per essere richiamato alla memoria e riconosciuto per ciò che è diventato.

In esclusiva, per l’inaugurazione dell’esposizione , il giorno 2 aprile dalle ore 17 :30 l’Artista sarà presente in Galleria per firmare delle riproduzioni delle sue opere e donarle ai nostri migliori collezionisti. La Galleria, inoltre, presenterà un percorso espositivo che premetterà al pubblico di comprendere al meglio l’opera e la visione dell’Artista…

“Un ‘esposizione misteriosa, provocatrice, dai forti temi che non vi lascerà senza dubbio indifferenti”

Davide De Agostini, nasce a Torino nel 1952.
Figlio d’arte, inizia a disegnare all’età di 5 anni fino ad arrivare da adolescente al Liceo Artistico di Torino e scenografia all’Accademia Albertina di Belle Arti.el Studia al Liceo Artistico di Torino e scenografia all’Accademia Albertina di Belle Arti.
Suoi maestri sono Sergio Saroni, Mauro Chessa, Beppe Devalle e Francesco Casorati. Le sue prime opere sono dipinti ispirati ad ambienti ed atmosfere di fine Ottocento e primo Novecento, con una patina crepuscolare che richiama Guido Gozzano ed i suoi amici poeti e scrittori. Inizia la sua attività espositiva a soli 15 anni, nel 1967 proseguendola fino ad oggi a ritmi blandi, mantenendo una grande riservatezza e non curandosi dell'”apparire”.